Il mestiere del programmatore fa schifo

Marco Ballante 14/11/2016 0 Commenti

Com'è il lavoro del programmatore? 

Lavora in spazi angusti, è per lo più sottopagato,  non riceve alcun tipo di gratificazione, lavora in ambienti demotivanti,  è maltrattato da clienti o superiori despoti, non ha possibilità di crescita professionale, è sfruttato e tende a lavorare più del dovuto.

Caspita! Niente male.... Pensavo peggio.

Il quadro è esagetato? Forse. Magari per qualcuno è anche peggio.

Perchè stiamo accettando di lavorare come operai in una catena di montaggio? Perchè dobbiamo accettare di perdere tutta l'emozione del fare il nostro mestiere?

Lo sviluppatore deve essere spinto da inventiva, fantasia, intuizioni, idee, deve creare tecnologia quanto più alta possibile, non può essere pagato menu di un idraulico e lavorare in condizioni peggiori di un minatore.

Ma con tutte le possibilità economiche che la tecnologia e la rete ci offrono ma noi vogliamo continuare a lavorare come lobotomizzati a fare manutenzione alla intranet aziendale di cliente Coso in Struts e JSP di quindici anni fa'?

Eh allora?

Allora incominciamo a lavorare più per noi stessi e meno per gli altri, incominciamo a crearci nuove competenze e spremiamoci per capire come monetizzarle.

Il lavoro bisogna inventarselo! Le opportunità ci sono, non sono facili daraggiungere e non si raggiungono senza fatica, ma per chi ne ha voglia esistono e si possono prendere.

Ti è piaciuto questo post, Condividilo!

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Per lasciare un commento devi essere autenticato Accedi

Javajob.it © 2017 - Javajob.it è un progetto realizzato da Gsoftware srls